veneto

veneto

TG VENEZIA (08/08/2016) - TORNADO, 31 MILIONI IN ARRIVO DAL GOVERNO

2w ago
SOURCE  

Description

TG VENEZIA (lunedì 8 agosto 2016) - E' stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la delibera del Consiglio dei ministri che garantisce la copertura al 50 per cento dei danni causati dagli eventi calamitosi accaduti in Veneto dalla primavera 2013 ad agosto 2015. Danni che il commissario per le calamità in Veneto ha calcolato in 62 milioni di euro per i soli privati, sulla base della ricognizione effettuata dalle amministrazioni comunali. Il più grave di questi eventi è stato naturalmente il tornado che l’8 luglio 2015 ha devastato la Riviera del Brenta causando anche una vittima. I fondi nazionali sono destinati a coprire fino all’80 per cento dei danni subiti dagli immobili ‘prima casa di proprietà’ e fino al 50 per cento del fabbisogno per le attività produttive. Per queste ultime nel 2016 verranno avviate le sole attività amministrative, rinviando i risarcimenti al 2017. “Finalmente il pressing della Regione Veneto ha fatto breccia – commenta il governatore Luca Zaia – e Roma comincia a pagare le spese per la ricostruzione. Dopo la stagione degli ‘zeri’ assoluti, ora cominciamo a vedere la solidarietà del Paese”. “Finalmente la buona volontà e l’attivismo dei veneti è stato premiato – aggiunge l'assessore alla protezione civile Gianpaolo Bottacin – i 31 milioni di contributi nazionali non saranno certo sufficienti per coprire il conto dei danni causati da nubifragi, trombe d’aria, frane e alluvioni che hanno flagellato il Veneto negli ultimi tre anni e che ammonta ad alcune centinaia di milioni. Ma intanto l’assegno, che nelle prossime 24 ore il Dipartimento nazionale della Protezione civile metterà nelle mani dei veneti, consentirà di mettere in moto la macchina degli indennizzi, in particolare a famiglie e privati”. Mecoledì Bottacin incontrerà i sindaci di Dolo, Mira e Pianiga, i tre comuni della Riviera del Brenta sconvolti dal tornado del luglio 2015, per informarli dei contenuti dell’intesa e fare il punto sulle modalità operative. (http://www.reteveneta.it)