jazz standard

jazz standard

Massimo Urbani & Tullio De Piscopo, Jazz standard, Jam session 2/2

2h ago
SOURCE  

Description

http://www.premiomassimourbani.com http://www.tulliodepiscopo.it http://gabrielemartufi.altervista.org Massimo Urbani Quartet: Massimo Urbani, sassofono contralto / alto sax Mike Melillo, pianoforte / piano Massimo Moriconi, contrabbasso / double bass Tullio De Piscopo, batteria / drums Massimo Urbani è stato un sassofonista contraltista italiano. Nasce a Roma, dove vive nel quartiere di Monte Mario Suburbio delle Vittorie. Studia il clarinetto a 11 anni, poi passa al sassofono, strumento grazie al quale viene notato da Mario Schiano e Marcello Melis, grazie al suo stile che si rifà agli insegnamenti di Charlie Parker e Albert Ayler. Compare per la prima volta nell'album "Sud" di Mario Schiano. Segue come uditore il corso di Giorgio Gaslini al conservatorio musicale Santa Cecilia di Roma. Nel 1974 suona il sax nell'album Chiaro di Loy & Altomare; nello stesso anno partecipa alla seconda edizione di Umbria Jazz e conosce Sonny Stitt; entra poi nella Collective Orchestra di Gaetano Liguori. Invitato da Enrico Rava in America, sparisce per un paio di giorni, nei quali dorme al Central Park. Nel corso degli anni la sua inquietudine lo trascina verso una grave tossicodipenza. La notte tra il 23 e il 24 giugno 1993, muore per collasso cardiocircolatorio. In sua memoria è stato istituito il premio Massimo Urbani e la sua interpretazione di "Everything Happens To Me", dall'album "The Blessing", è tuttora ritenuta da molti tra le migliori mai realizzate. È considerato uno dei maggiori interpreti della storia del jazz. http://it.wikipedia.org/wiki/Massimo_Urbani Tullio De Piscopo è un batterista, cantautore e percussionista italiano. Dotato di uno stile incentrato principalmente nell'approccio caldo con lo strumento e di una rullata fluida, è tra i batteristi italiani più noti e apprezzati anche a livello mondiale. È insegnante di batteria alla NAM (Nuova Audio Musicmedia) di Milano. http://it.wikipedia.org/wiki/Tullio_De_Piscopo Viene comunemente definito come standard un tema musicale molto noto che col tempo è divenuto un classico della musica jazz. Originariamente erano delle semplici canzoni scritte da compositori in diverse circostanze (per Broadway e per i suoi musical) e per diverse opere musicali e teatrali, che col tempo sono entrate nel patrimonio musicale di tutti i musicisti, andando ben oltre la loro epoca per merito delle loro intramontabili idee musicali e per le continue esecuzioni. Molti di questi brani sono raccolti in libri commerciali e non, normalmente chiamati Real book oppure Fake book, dove gli spartiti sono sintetizzati e riportano in genere solo la melodia gli accordi ed i testi, questo per facilitarne la personalizzazione. In genere ogni esecutore (jazzista) ripropone la propria versione di uno standard secondo il criterio della variazione armonica, melodica e ritmica (anche separate), e della improvvisazione, stravolgendo totalmente un brano o apportando a questo graduali variazioni. http://it.wikipedia.org/wiki/Jazz_standard Una jam session è una riunione (regolare o estemporanea) di musicisti che si ritrovano per una performance musicale senza aver nulla di preordinato, di solito improvvisando su griglie di accordi e temi conosciuti (standard). Il termine, che probabilmente deriva da "Jamu", una parola Youruba (Africa occidentale) che significa "insieme in concerto", è nato negli anni venti negli ambienti jazz, e si è poi diffuso anche nel rock. Una jam session in genere non ha lo scopo di intrattenere il pubblico, ma è un ritrovo di musicisti che hanno così l'opportunità di provare nuovo materiale musicale e mettere alla prova la loro abilità di improvvisatori in confronto con altri strumentisti; a volte è semplicemente un ritrovo sociale. http://it.wikipedia.org/wiki/Jam_session