tom waits

tom waits

VATTIENTI-BATTENTI... Gavin Bryars With - Tom Waits ‎- Jesus' Blood Never Failed Me Yet

2h ago
SOURCE  

Description

I BATTENTI: a Verbicaro (CS) la notte del Giovedì Santo si ripete l'antichissimo rito dei Battenti.Alcuni uomini vestiti in rosso, a piedi nudi e gambe scoperte percuotono i loro arti inferiori con il cardillo (un pezzo di sughero sul quale sono infisse 5 acuminate punte di vetro) fino a farli sanguinare; successivamente i battenti fanno il giro del paese per ben tre volte, "segnando" le strade con le mani sporche di sangue.Nelle prime ore del mattino prende il via una processione solenne con statue e quadri viventi ispirata alla Via Crucis e alla Passione di Gesù. I VATTIENTI: Mentre si svolge la processione con la statua della Madonna dell'Addolorata, per le vie del paese si aggirono i Vattienti di Nocera Terinese (CZ), si battono con un pezzo di sughero che prende il nome di "cardo", nel quale sono collocati, bloccati nella cera, 13 pezzettini di vetro che fuoriescono di pochi millimetri.I Vattienti hanno la testa avvolta da un panno nero ed una corona che non ha aculei ma è un ramo di "sparaconga", tra le altre cose molto spesso tenero, che viene lavorato in modo tale da formare una corona; indossano un paio di pantaloncini corti per lasciare scoperte le cosce.Ognuno di loro è allacciato con una cordicella all'Ecce-Homo (un compagno), alla vita un panno rosso che scende fino alle caviglie. Con gli strumenti penitenziali, detti la rosa e il curdo, formati da tamponi di sughero infissi da pezzi di vetro, i Vattienti si percuotono, con movimenti ritmici, le cosce e i polpacci e poi passano la rosa bagnata del loro sangue sul petto dell'Ecce-Homo.Girano per le strade mischiati alla processione e quando sono vicini alla statua della Madonna, fanno il segno della croce, si percuotono e versano il loro sangue ai piedi della Vergine. BATTENTI di Guardia Sanframondi (BN).La festa dell'Assunta di Guardia viene per lo più identificata con il suo momento più spettacolare: quello che ha luogo la dome­nica conclusiva dei riti -- che si svolgono la prima settimana dopo Ferragosto -- ed è caratterizzato dalla processione dei 'bat­tenti'. Questi ultimi sono fedeli in saio e cappuccio, coperti da un rigoroso e invio­labile anonimato, che fanno voto di 'bat­tersi' e sfilano per le stradine della cittadi­na percuotendosi il petto con uno stru­mento di penitenza, detto 'spugnetta': un disco di sughero che porta infilate trenta­tré piccole punte di ferro. È facile com­prendere come il fenomeno dei battenti fi­nisca per attrarre, qualche volta un po'morbosamente, una folla sterminata. L'origine del rito risale ai tempi di Carlo Magno quando, una statua dell'Assunta sarebbe affiorata prodigiosamente dalla terra. È la stessa statua che ora è conserva­ta nella chiesa di san Filippo e dell'Assun­ta, all'ingresso di Guardia, nella parte bas­sa del paesino. I flagellanti, invece, anche loro nascosti da un cappuccio, si percuoto­no le spalle con delle catene, a seconda del voto alla Madonna. MUSICA: Gavin Bryars è a Londra e cammina con in mano un registratore, lo fa per lavoro, deve catturare dei suoni per un film. Girovagando nei pressi di Waterloo Station incontra un barbone che con voce stentata ma profonda canta alcune frasi di una canzone. È una sorta di litania, sempre la stessa. E dice: "Jesus blood never failed me yet, there's one thing I know, cause He loves me so..."."ll sangue di Gesù non mi ha mai tradito finora, c'è una cosa che so, che egli mi ama...". Gavin rimane colpito dalla forza di quella musica e registra la breve frase che il vecchio ripeteva incessantemente.Il materiale registrato viene selezionato e questo brano rimane inutilizzato finchè Gavin un giorno di quattro anni dopo riprende la melodia e scopre che è perfettamente intonata con un pianoforte e che la sua lunghezza permette di realizzare un loop, cioè consente di ripetere la frase all'infinito, tagliando il nastro e unendola come in un cerchio. Gavin manda in esecuzione la musica e senza pensare esce dalla stanza. E succede una cosa singolare. Al suo ritorno nota...