linkedin

linkedin

15 consigli per usare LinkedIn in modo efficace

7h ago
SOURCE  

Tags

Description

http://www.italiansinfuga.com/2013/10/04/15-consigli-per-usare-linkedin-in-modo-efficace/ Francesca Parviero è la fondatrice di LinkBeat, azienda che si occupa di strategia di social media per le risorse umane. LinkBeat è un partner ufficiale di LinkedIn. Attraverso questa attività Francesca ha l'opportunità di dialogare quotidianamente con aziende che utilizzano LinkedIn per la ricerca di personale. È quindi in grado di condividere la visione che si ha di questo social network "dall'altra parte dello steccato" rispetto ai lavoratori. All'inizio del 2012, LinkedIn ha aperto i propri uffici in Italia e Francesca è entrata in contatto con i responsabili, diventando così Official partner. Attualmente ci sono oltre cinque milioni di professionisti iscritti a LinkedIn in Italia. È diventata quindi una piattaforma molto significativa del mondo del lavoro italiano. Soprattutto nel 2013 tantissime aziende italiane hanno iniziato ad utilizzare i servizi forniti da LinkedIn per le proprie attività di recruiting. Con pochi clic le aziende sono in grado di filtrare il data base di professionisti iscritti a LinkedIn in modo da trovare il profilo che più risponde alla descrizione del posto di lavoro disponibile. Attraverso il servizio 'Recruiter' di LinkedIn, il selezionatore può analizzare tutto il data base mondiale (oltre duecento milioni di professionisti) inserendo particolari parole chiave. Ad esempio, possono selezionare gli anni di esperienza, il settore, la geografia, il ruolo, il tipo di azienda per cui si è lavorato in precedenza oppure, addirittura, cercare persone che hanno lavorato o lavorano per una specifica azienda. Il selezionatore può poi contattare direttamente il professionista riducendo la tempistica della procedura di selezione e, soprattutto, i costi rispetto alla ricerca di lavoro "tradizionale". Il vantaggio per il professionista che sia iscritto a LinkedIn riguarda la possibilità di essere trovati come candidati "passivi". La presenza sul social network consente, a chi ha l'esperienza e le competenze richieste dal mercato del lavoro, di essere rintracciabili pur non cercando attivamente lavoro.